MARCO POZZA

Marco Pozza

Giornalista, teologo e parroco dal 2011 del carcere di massima sicurezza “Due Palazzi” di Padova, descrive se stesso come “uno straccio di prete al quale Dio si intestardisce ad accreditare simpatia, usando misericordia”.

Ordinato sacerdote il 6 giugno 2004 dal vescovo di Padova Antonio Mattiazzo, dopo lordinazione diventa vicario parrocchiale presso la parrocchia della Sacra Famiglia, a Padova. Colpito dallassenza di fedeli durante le celebrazioni eucaristiche, decide di trascorrere buona parte del suo tempo libero incontrando durante lora dellaperitivo ragazzi e studenti direttamente nei locali della movida” padovanaguadagnandosi il soprannome Don Spritz”. Grazie alla sua opera di evangelizzazione presso i giovani, nel 2007 è protagonista di una puntata del programma “Testimone”, su MTV, dal titolo “La vocazione”, dedicata ai giovani consacrati, la loro vita nel mondo moderno e la crisi della religiosità nella società. Mentre sta realizzando il servizio insieme al conduttore televisivo Pierfrancesco Diliberto, viene aggredito e malmenato da un barista padovano.

Scrive su Il Mattino di Padova, Ilsussidiario.net e lavora per Tv2000.

Ha fondato e gestisce un sito internet, definito una parrocchia virtuale, nel quale commenta i brani del Vangelo e i fatti di cronaca e dove gli utenti registrati possono intervenire e proporre spunti di riflessione.

L’11 dicembre 2013, sotto la guida del gesuita irlandese padre Michael Paul Gallagher, ha conseguito il dottorato in Teologia Fondamentale alla Pontificia Università Gregoriana di Roma,con tesisu “Il rapporto tra letteratura, teologia e immaginazione a partire da Cittadella di Antoine de Saint-Exupéry.

È autore di alcuni  romanzi, “Penultima lucertola a destra” (2011), “Contropiede” (2012), “Il pomeriggio della luna” (2016).

Con la trilogia sulla figura di Cristo “L’imbarazzo di Dio” (2015), “L’agguato di Dio” (2016) e Liradiddìo” (2017) –  diventa uno degli autori spirituali più interessanti del panorama nazionale. Nel 2016 vince il Premio speciale Biagio Agnes 2016 per il giornalismo.

Assieme ad altri tre sacerdoti conduce il sabato pomeriggio su Rai1 «Le ragioni della speranza», all’interno del programma “A Sua Immagine”.

Nel 2017, assieme al regista Andrea Salvadore, ha ideato e condotto per Tv2000 “Padre nostro”, programma televisivo in nove puntate che ha avuto come ospite fisso Papa Francesco. Dal programma è nato il libro “Quando pregate dite: Padre nostro” (LEV – Rizzoli), scritto a quattro mani con il Pontefice.

Conduce suTv2000da martedì 16 ottobre per 11 puntate, il programma “Ave Maria”, ideato insieme a Andrea Salvadore. Il programma è legato ad un nuovo libro-intervista con Papa Francesco, edito da Rizzoli e Libreria editrice vaticana.