Madrid
Weather Icon
New York
Weather Icon
Roma
Weather Icon
Lisbon
Weather Icon
C. Mexico
Weather Icon

LA FILBO TIENE COMPAGNIA AI LETTORI DURANTE LA QUARANTENA

LA FILBO TIENE COMPAGNIA AI LETTORI DURANTE LA QUARANTENA

Ora che dobbiamo restare isolati, la Fiera Internazionale del Libro di Bogotà invita i suoi lettori a sentirsi uniti attraverso un programma di attività per tutti i tipi di pubblico. In risposta a questa situazione, a partire da martedì 7 aprile, la FILBo ha lanciato la campagna #LaFILBoEnCasa. I canali digitali di FILBo e di Corferias, oltre al sito web della fiera (www.feriadellibro.com), ospiteranno attività di programmazione letteraria, culturale e accademica, con l’obiettivo di raggiungere tutti coloro che hanno visitato la fiera negli ultimi anni.

Sul sito www.feriadellibro.com sono disponibili tutte le informazioni relative alle attività programmate dagli espositori, con una vetrina digitale FILBo in cui sono visibili i cataloghi e le novità editoriali.

Programmazione culturale: dal 21 aprile al 5 maggio (date ufficiali della FILBo), ci saranno quattro attività giornaliere, trasmesse in diretta con gli autori invitati, che affronteranno diverse tematiche. Le fasce orarie sono pensate per raggiungere tutti i tipi di pubblico della FILBo: bambini, giovani, adulti e professionisti del settore.

Il lancio ufficiale del programma avverrà lunedì 13 aprile, attraverso le reti FILBo e Corferias, e sarà disponibile sul sito web.

Club di lettura: da martedì 7 aprile sono aperte le iscrizioni per partecipare a uno dei 7 club di lettura virtuali programmati dalla FILBo, uno al giorno, con diverse tematiche e vari moderatori. Ogni club si riunirà virtualmente dalla prossima settimana alle 18:00 e avrà 4 sessioni.

Lunedì: “La nostra voce”. Uno spazio dedicato alla letteratura colombiana, a cura del libraio Jimmy Torres, in cui verrà letto il libro Delirio di Laura Restrepo.

Sessioni: 14, 20 e 27 aprile; 4 maggio

Martedì: “Il fiume”. Uno spazio per parlare di ambiente e sostenibilità, moderato dalla giornalista scientifica colombiana Ángela Posada-Swafford, che leggerà il suo libro Un nemico invisibile.

Sessioni: 14, 21 e 28 aprile; 5 maggio

Mercoledì: “I Sinsombrero”. Dedicato alle opere letterarie scritte dalle donne, è uno spazio per apprezzare la lettura di viaggi, ricordare e riflettere. A cura di Gloria Susana Esquivel, scrittrice, poetessa, giornalista e traduttrice, che leggerà il libro Cuaderno de faros, di Jazmina Barrera.

Sessioni: 15, 22 e 29 aprile; 6 maggio

Giovedì:  “Terre nordiche”. Uno spazio dedicato alla regione e ai suoi autori, moderato da Diego Felipe González, giornalista e storico. Sarà letto il libro Vision of Memory, di Tomas Tranströmer.

Sessioni: 16, 23 e 30 aprile; 7 maggio

Venerdì: “Da leggere al tramonto”. Un club di lettura ispirato ai racconti brevi, moderato dallo scrittore colombiano Pedro Badrán. Verrà letto il libro Hoy decidí vestirme de payaso, di Álvaro Cepeda Samudio. Ogni sessione tratterà un racconto diverso.

Sessioni: 17 e 24 aprile; 1 e 8 maggio

Sabato: “Scherzi della fame”. Uno spazio per parlare di letteratura e distopie, a cura della giornalista culturale Laura Ocampo. Verrà letto Il racconto dell’ancella, di Margaret Atwood.

Sessioni: 18 e 25 aprile; 2 e 9 maggio

Domenica: “Dove vivono i mostri”. Yolanda Reyes e Isabel Calderón, in collaborazione con la libreria Espantapájaros, propongono una conversazione per esplorare l’universo della letteratura per l’infanzia, conoscere autori e illustratori e scoprire quei libri che permettono di comunicare con i bambini e li aiutano a esprimersi attraverso la lingua simbolica della letteratura. Condivideranno la lettura del libro Dove vivono i mostri, di Maurice Sendak, e ogni sessione proporrà un racconto diverso.

Sessioni: 19 e 26 aprile; 3 e 10 maggio

Lettere alla FILBo: la FILBo ci ispira, ci motiva, ci permette di conversare, ci avvicina, ci mette in connessione... Per questo vogliamo invitare i nostri sostenitori a scrivere una lettera alla FILBo (ritornando così alla parola scritta, però potrebbe essere anche un’illustrazione, un disegno o una caricatura).

Le lettere possono essere inviate attraverso i social network della FILBo e di Corferias utilizzando gli hashtag #FILBo2020 #LaFILBoEnCasa. Le prime 100 lettere saranno pubblicate su uno spazio apposito nel sito della FILBo durante i giorni della fiera (dal 21 aprile al 5 maggio). Verrà effettuata una seconda selezione per raccogliere le lettere dei nostri follower da pubblicare nella prossima edizione della FILBo.

Eventi per espositori e partner: la programmazione digitale degli affiliati, dei partner e degli espositori della FILBo prevista per queste date è consultabile sul sito web della FILBo seguendo l’hashtag #LaFILBoEnCasa.

Ricordi: in questa sessione saranno pubblicati i video e gli audio dei dibattiti della FILBo 2019 e di altri anni.

Vetrina virtuale: sarà disponibile un elenco di negozi virtuali di editori, distributori e librai, con le loro offerte editoriali, sia cartacee che digitali.

“Il nostro stile di vita, che è improvvisamente e drasticamente cambiato, ha bisogno di ritrovare fiducia, spazi comuni e luoghi accoglienti che ci portino a riflettere, pensare, interrogarci, immaginare e soprattutto capire il mondo in cui viviamo. Ecco perché, da oggi, la FILBo potrà entrare nelle vostre case con diverse attività legate a ciò che ci piace e ci appassiona di più: leggere. Che siano i libri e le parole a prenderci per mano in questi momenti... E sono i libri stessi, con i loro molteplici significati, che ci spingono a prenderci cura, sostenere e riconoscere il lavoro di tutti gli attori dell’industria editoriale. Vi aspettiamo!”, è l’invito della direttrice della FILBo, Sandra Pulido Urrea.

Da parte sua, Tatiana Rudd, project manager, assicura che “la FILBo è sempre stata un’esperienza entusiasmante per chi di noi ama la lettura e il mondo dei libri e scommette sull’industria editoriale. Pertanto, data la congiuntura negativa globale che stiamo vivendo, il ruolo della Fiera deve essere più attivo che mai. Fortunatamente abbiamo supporti e strutture digitali che ci permettono di creare nuove connessioni tra noi, ricordandoci così che questo mondo è pieno di amore, speranza e futuro. E, nel caso della Fiera, di libri e parole. Ecco perché la FILBo si adatterà al momento attuale e farà la sua parte per accompagnare ogni persona, abbracciarla da lontano e farle sentire che nessuno è solo e che, nella lettura, ognuno può trovare una fonte di speranza. Un abbraccio che per ora è a distanza, ma sappiamo che sarà nuovamente fisico, come facevamo ogni anno a Corferias, quando ci immergevamo nella lettura e nella cultura”.